Eventi

BIOETICA: orientare l’agire professionale
Oggi si registra quasi quotidianamente la pressione sul sistema sanitario affinché si adegui alle logiche del mercato, con la tendenza a concepire la salute prevalentemente come un bene commerciale.
Sembra che tutto debba essere misurato in base al paradigma della massimizzazione dell’utile produttivo, e che pertanto ogni prestazione vada adeguata a tale criterio.
Lo scenario quotidiano vede, da una parte, gli operatori sanitari sempre piú spremuti, affaticati e demotivati, dall’altra, i cittadini sempre piú insoddisfatti
Per tornare a mettere al centro della cura la persona ammalata appare sempre più urgente puntare sulla formazione degli operatori sanitari, fornendo loro strumenti adeguati di analisi e di approccio in grado di orientare il loro agire professionale.
I Comitati etici, da questo punto di vista, risultano essere strumenti preziosi e adeguati al fine di rispondere a questa esigenza, soprattutto nella prospettiva di assicurare la cura e la dignità del paziente.
Programma

9.30-13.00   |  sezione del mattino aperta anche al pubblico

interventi a cura di

•  La bioetica dei Comitati etici: panoramica europea

   Autiero Antonio, Teologia Morale, Università di Münster

•  La consulenza etica al letto del malato

   Picozzi Mario, Centro di Ricerca in Etica Clinica, Università dell’Insubria, Varese

 

14.00-16.30 |  WorkApp  | Sezione riservata agli iscritti

I Comitati etici: orientare le decisioni di medici e pazienti

intervento di introduzione ai lavori di gruppo a cura di

• LEOPOLDO sandona’, Bioeticista

 

coordinamento dei gruppi di lavoro a cura di

•  BERTIN Germano, Bon Giuseppe, Gasparetto Alessandra, Pozzato Alex

L’uomo di fronte ai limiti della condizione umana

La biologia è diventata sempre più centrale e i suoi avanzamenti sono talmente rapidi che è difficile tenergli dietro. Il problema, certamente più serio, è l’imminente modificazione genetica del nostro genoma.

Tecnicalmente siamo quasi in condizione di farlo e prima o poi succederà, ma questo pone seri problemi biologici e etici, soprattutto perché la procedura potrebbe non essere reversibile.

È possibile il superamento dei limiti naturali della condizione umana attraverso l’uso degli strumenti tecnologici, in modo da potenziare l’uomo aumentandone artificialmente le capacità?

Quale il ruolo di neuroscienze e bioetecnologie?

Cosa significa parlare di genetica, di ingegneria genetica, di nanotecnologie …?

La genetica sfida le nostre certezze, mette in questione l’idea stessa di essere umano, il rapporto con la corporeità e con la vita, la possibilità dell’uomo di avere “la vita tra le mani”…?

Occorre procedere con molta attenzione e lungimiranza su questi temi. E data l’importanza della questione, i cittadini di tutto il mondo dovrebbero discutere e partecipare a queste scelte.

 

Programma | sabato 9 giugno 2018

9.30 – 13.00

introduce BIAGI Lorenzo, Fondazione Lanza, Segretario generale

relatori

• Postumanesimo: tra biotecnologie e biosicurezza

   BENANTI Paolo, Università Pontificia Gregoriana, Roma

• Neuroscienze e nuova bioetica

  BONACCORSO Giorgio, Istituto di Liturgia Pastorale di Santa Giustina, Padova

 

 14.00 – 16.30

Work App • Biobanche e tecnologie emergenti

• CAENAZZO Luciana, Università di Padova

• SIMONATO Lorenzo, Università di Padova

 

coordinatori 

BERTIN Germano, giornalista 

BON Giuseppe, Operatore Sanitario

GASPARETTO Alessandra, Bioeticista 

POZZATO Alex, Bioeticista

SANDONA’ Leopoldo, Bioeticista

 

Ambiente e Salute. Prevenzione e stili di vita

Ormai il mondo è diventato una “casa comune” e sentiamo il bisogno di puntare ad una vita buona per tutti, ad un benessere globale.

Questo benessere globale è possibile soltanto dentro un nuovo concetto di “sviluppo globale”, ma non lo sviluppo come quello che fino ad oggi abbiamo, perché i dati concreti ci dicono che esso non è più sostenibile.

Dobbiamo orientarci a un processo di cura e di umanizzazione che non degradi il pianeta e che mediante un intreccio armonico consegua il benessere per tutti e sia rispettoso tanto della natura quanto degli uomini e dei popoli.

Programma

9.30-13.00

interventi di introduzione al tema a cura di

Curi Umberto, Professore emerito di Storia della filosofia, Università di Padova

Parole (e fatti) di cura nell’ottica di una nuova bioetica (mutazioni climatiche, ambiente urbano, fisico e sociale, inquinamento …)

• Russo Francesca, Regione Veneto Prevenzione Sicurezza alimentare Veterinaria

Prevenzione e stili di vita: prendersi cura di sé, dell’ambiente, della salute (i concetti di rischio/pericolo ambientale, sanitario…, prevenzione, principio di precauzione e responsabilità, etica intergenerazionale, … i non umani)

14.00-16.30

WorkApp Educazione alla salute e nuovi stili di vita

Molta parte delle nuove sfide bioetiche si gioca sul coinvolgimento dei cittadini e delle comunità, su una crescita di informazione, formazione e partecipazione. La competenza etica deve diventare parte integrante del bagaglio morale delle persone e delle comunità, assieme alla consapevolezza di dover intraprendere nuovi stili di vita legati alla responsabilità del cambiamento personale e dell’organizzazione della vita nostra vita sociale.

Lo stile di vita è sempre più un insieme di buone pratiche di vita legate alla prevenzione, alla coscienza delle conseguenze delle nostre scelte ed azioni, alla relazione intergenerazionale e al futuro della vita nel suo complesso.

intervento di introduzione ai lavori di gruppo a cura di

• Vazzoler Marina, Regione Veneto, Prevenzione, Sicurezza alimentare, Veterinaria

Ambiti tematici: Aria, Acqua, Suolo, Alimentazione

Sabato 10 marzo 2018 | Incontro aperto anche al Pubblico

ETICA DELL’ORGANIZZAZIONE SANITARIA

Un elemento di ulteriore complessità concerne oggi il ruolo delle istituzioni sanitarie e le modalità con cui vengono organizzate e gestite (dalla conduzione dei servizi alla distribuzione del personale e così via), non ultimo in riferimento alle risorse stesse e ai diritti sociali.

Spesso si coagulano su questi punti veri e propri conflitti tra organizzazioni e cittadini, in cui si trovano frustrati tanto gli intenti degli operatori che le richieste dei cittadini. Le istituzioni e le organizzazioni ricavano il loro significato dall’essere i luoghi che danno corpo e concretezza agli orientamenti etico-sociali per una buona coesione sociale.

Da tutto ciò alcuni interrogativi: l’etica nell’organizzazione sanitaria esiste oppure è lasciata ai singoli? Le istituzioni sanitarie: tra nuove emergenze e “terrorismo ragionieristico”: verso quale welfare? Nuovi problemi di bioetica e giustizia sociale: quali i vantaggi dell’etica? Quali ricadute di buona comunicazione e di permeazione dell’etica nella scelta delle risorse?

Programma

9.30 – 13.00 | Parte prima
9.30 | introduzione: BIAGI Lorenzo, Fondazione Lanza

9.45 | relazioni
• FLOR Luciano
Direttore Generale Azienda Ospedaliera di Padova
• REBBE Vincenzo
Ordinario di Scienza delle Finanze, Dipartimento di Scienze
Economiche e Aziendali “M. Fanno”, Univ. di Padova

12.15 – 13.00 | in dialogo con i relatori

14.00 – 16.30 | Work App | Sessione riservata agli iscritti
L’organizzazione sanitaria
Quali le nuove esigenze del cittadino? Quali i diritti, i doveri, i costi?

coordinatori
BERTIN Germano, giornalista
BON Giuseppe, Operatore Sanitario
GASPARETTO Alessandra, Bioeticista
POZZATO Alex, Bioeticista
SANDONA’ Leopoldo, Bioeticista

L’uomo che soffre, l’uomo che cura

Nel nostro mondo della vita siamo entrati in un rapporto nuovo anche con il soffrire e con le dinamiche della cura e della guarigione.

Spesso si concentrano domande e bisogni complessi e confusi. Si accrescono le aspettative nei confronti della cura medica e delle sue tecniche.

Non sempre le nostre attese trovano soddisfazione, o perché sono sproporzionate oppure perché in realtà è la relazione interpersonale che si è impoverita e complicata.

Forse siamo chiamati a riordinare e a condividere con maggiore pazienza e informazione sia il nostro immaginario sulla salute e sulle cure, sia a trovare nel dialogo e nella condivisione tra tutti i soggetti la via più saggia e più umanizzante.

Programma

9.30-13.00  interventi a cura di

• La cura tra umanizzazione e tecnicalizzazione | Tommasi Roberto, Preside Facoltà Teologica del Triveneto

•Il malato tra incurabilità e inguaribilità | Barbisan Camillo, Servizio di Bioetica, Azienda Ospedaliera di Padova

14.00-16.30

WorkApp Il dolore: come affrontarlo? Esperienze di etica applicata

intervento di introduzione ai lavori di gruppo a cura di

• Bonetti Marco, Servizio Qualità e Sicurezza del Paziente, Azienda ULSS 6 Reg. Veneto

coordinamento dei gruppi di lavoro a cura di

•BERTIN Germano, Bon Giuseppe, Gasparetto Alessandra, Pozzato Alex, Sandonà Leopoldo

LA VITA CHE FINISCE: dilemmi e potenzialità

Di solito ritorna nei discorsi e dibattiti il tema dell’eutanasia, che di per sé indica solo una morte dolce o buona, ma nell’uso comune di oggi comprende realtà diverse fra di loro e un gran numero di problemi concreti sul piano medico e su quello morale.

La questione di fondo riguarda anzitutto il mutamento di senso che ha investito il nostro rapporto con il morire e con la morte. Occorre penetrare in questa mutazione.

Le novità inoltre di alcune conoscenze scientifiche e tecnologiche, e di nuove legislazioni, ci chiedono di essere più informati e più consapevoli. Infine, anche i luoghi e le pratiche di accompagnamento al morire si sono trasformati e anch’essi ci chiedono una crescita sociale, civile, morale e interpersonale.

PROGRAMMA | SCUOLA di BIOETICA | Terza Giornata di Formazione

9.30-13.00 interventi a cura di

•  Giantin Valter, Azienda Ospedaliera Padova

•  Poles Giovanni, Unità Op. Complessa Cure Palliative, AULSS 3 Serenissima Venezia

14.00-16.30  WorkApp Bioetica di fine vita

intervento di introduzione ai lavori di gruppo a cura di

•  Marin Francesca,  Filosofia morale e Bioetica, Università di Padova

coordinamento dei gruppi di lavoro a cura di

•  Bertin Germano, Bon Giuseppe, Gasparetto Alessandra, Pozzato Alex, Sandonà Leopoldo

La vita che nasce: dilemmi e potenzialità 

La complessità che oggi caratterizza la nostra vita quotidiana coinvolge anche il momento dell’inizio vita, non solo in occidente, ma a livello globale.

Si rende necessaria una rilettura di tale complessità alla ricerca di chiavi di lettura capaci di andare a leggere e affrontare i dilemmi e le potenzialità dell’inizio vita, a partire dall’esperienza concreta di persone, comunità, operatori e istituzioni.

I temi aperti più sfidanti che stanno dinnanzi sono: la diagnosi prenatale, la procreazione assistita, la maternità surrogata, l’aborto.

La giornata formativa (2 dicembre 2017 | 9.30-16.30 c/o Fond. Lanza, Padova | Via Dante 55) proposta dalla Scuola di Bioetica promossa e organizzata dalla Fondazione Lanza insieme alla Rivista “Etica per le professioni” affronterà questi temi affidandosi alle riflessioni proposta dalla dott.ssa Mariateresa GERVASI (Ostetricia e Ginecologia, Azienda Ospedaliera Padova) e al supporto di approfondimento accompagnato da Alex Pozzato, Alessandra Gasparetto, Leopoldo Sandonà, Giuseppe Bon (equipe didattica Scuola di Bioetica | Fondazione Lanza – EPP)

La Scuola di Bioetica promossa dalla Fondazione Lanza e dalla Rivista Etica per le professioni offre la possibilità, attraverso un progressivo itinerario formativo, di implementare la qualità del discernimento su questioni di bioetica.

Grazie a una specifica e innovativa didattica, le diverse figure che conducono la formazione agiscono e si interfacciano tra loro e con i partecipanti secondo il modello dell’apprendimento di gruppo. Attraverso una costante e coinvolta interazione con i partecipanti, si punta alla valorizzazione delle differenti competenze professionali per orientarne l’agire nei rispettivi ambiti di responsabilità.

Finalità prioritaria della Scuola è offrire agli iscritti un metodo di apprendimento e un modello didattico che li renda idonei ad affrontare le diverse questioni e problematiche legate alla bioetica, fino a rendere ciascuno una sorta di “cellula” del buon consiglio, capace di generare e ri-generare in sé e attorno a sé, nella quotidianità e in ogni ambito di vita, una sempre piú alta consapevolezza e determinazione professionale “trasformativa”. 

Il Corso a.a. 2017-2018 “Per una bioetica rinnovata” prevede nove tappe che si svilupperanno, con cadenza mensile, tra novembre 2017 e giugno 2018.

PROGRAMMA

•  11.11.2017 (9.30-13) Dialogo sullo “stato di salute” della bioetica oggi

    >   incontro aperto anche al pubblico

•  02.12.2017(9.30-13) La vita che nasce: dilemmi e potenzialità

•  13.01.2018(9.30-13) La vita che finisce: dilemmi e potenzialità

•  10.02.2017(9.30-13)  L’uomo che soffre, l’uomo che cura

•  10.03.2018 (9.30-13)  Etica dell’organizzazione sanitaria

    >   incontro aperto anche al pubblico

•  14.04.2018 (9.30-13)  Persone migranti e nuova bioetica: quale relazione?

•  12.05.2018 (9.30-13)  Ambiente e salute: prevenzione e stili di vita

•  09.06.2018(9.30-13)  L’uomo di fronte ai limiti naturali della condizione umana

30.06.2018 (9.30-13) Bioetica: orientare l’agire professionale

   >   incontro aperto anche al pubblico

INFORMAZIONI

> Destinatari

  • operatori in ambito sanitario

  • membri di comitati etici

  • insegnanti, formatori, educatori

  • funzionari e dirigenti pubblici

  • operatori della comunicazione

 > Dispositivo didattico

  • 60 ore di attività

  • lezioni frontali

  • attività di rilettura individuale

  • incontro con il tutor

  • lavoro di gruppo

  • dossier di lavoro personale

  • verifica di apprendimento e di verifica

> Iscrizioni

  • quota di adesione corso intero: 450,00 euro

     > 200,00 euro all’iscrizione 

     >  250,00 euro a inizio corso

  • quota singola giornata: 80,00 euro

  • quota per studenti

    > 300,00 euro corso intero

    > 50,00 euro a singola giornata

  • n° massimo iscritti: 40 persone

Riconoscimenti

  • attestato finale di partecipazione

  • crediti formativi (dove previsti)

TRENT’ANNI di BIOETICA 

Dialogo sullo “stato di salute” della bioetica oggi

La bioetica viene da una intensa stagione di scritti vari, di articoli, di manuali, di riviste, ma anche da un periodo di contrapposizioni e di scontri che non sempre hanno aiutato le persone a farsi un’idea chiara delle questioni in gioco.

Oggi la bioetica pare essere entrata anche in una stagione nuova, caratterizzata da nuove sfide e nuove emergenze sociali, economiche ed ambientali, oltre che di giustizia sociale, che stanno riconfigurando lo statuto della vita umana e della salute delle persone e delle popolazioni.

Per questo pare essere giunto il momento di interrogarci sullo “stato di salute” della stessa bioetica: da dove viene, a che punto si trova, dove sta andando, come si muovono i diversi soggetti implicati, quali sono le nuove sfide e le nuove vie da intraprendere, quali occasioni di formazione aperta a tutti possono essere coltivate.

Al Convegno di sabato 11 novembre 2017 (9.30-13) a Padova c/o sede Fond. Lanza in Via Dante 55:

introduce

•  BIAGI Lorenzo, Fondazione Lanza, Segretario generale

intervengono

•  BARBISAN Camillo, Servizio di Bioetica, Azienda Ospedaliera di Padova

•  BUSATTA Lucia, Università di Padova

•  DA RE Antonio, Filosofia morale, Università di Padova

•  MENEGHELLO Francesca, Ospedale San Camillo, Lido Venezia

•  PEGORARO Renzo, Pontificia Accademia per la vita, Roma

coordina

•  BERTIN Germano, Rivista “Etica per le professioni”

Per una bioetica rinnovata è il titolo della Scuola di Bioetica che la Fondazione Lanza insieme alla rivista Etica per le professioni lancia quest’anno, all’interno di percorsi “Ethos – Alta Formazione”.

Un percorso qualificato rivolto a un pubblico eterogeneo, vista la complessità e globalità del tema: operatori in ambito sanitario, membri di comitati etici, insegnanti, formatori, educatori, funzionari e dirigenti pubblici, operatori della comunicazione. Ma anche cittadini che si interrogano di fronte ai grandi scenari globali.

Due le motivazioni principali alla base di questo nuovo percorso formativo: in primo luogo la necessità di aprire l’orizzonte e affrontare le questioni di bioetica in termini globali e non esclusivi dell’inizio e fine vita; in secondo luogo proporre una metodologia che permetta di favorire la crescita di una cittadinanza competente, rendendo accessibili a fasce sempre più ampie di cittadini le problematiche bioetiche che nascono a fronte dei grandi cambiamenti sociali, culturali, politici.

Sul tavolo delle questioni bioetiche ci sono, infatti: l’espansione delle disuguaglianze, l’aumento della popolazione e il suo concentramento in grandi metropoli, i movimenti migratori, la riduzione delle risorse per la sanità, il cambiamento climatico e ambientale, i processi di inquinamento, lo sgretolamento dei sistemi sociali e sanitari, gli interrogativi ancora aperti di fronte ai temi del nascere, del morire, del soffrire.

«È il tempo – commenta Lorenzo Biagi, segretario generale della Fondazione Lanza – di cambiare e soprattutto allargare il punto di vista e parlare bioetica globale e di uscire dallo schema tradizionale del bioeticismo, che si sofferma in particolare sull’inizio e sul fine vita. Oggi, considerando i grandi cambiamenti culturali, sociali, ambientali, la bioetica si interroga sulla vita nella sua globalità, in tutte le sue diramazioni e connessioni. Occorre aprire il discernimento bioetico anche a nuovi parametri che ci confermano che la dignità della vita è il risultato di tante determinanti, che oggi si concentrano sulla dimensione sociale, ambientale, multiculturale, sulle nuove fragilità della salute mentale e sulle ricadute sociosanitarie delle vecchie e nuove povertà».

La Scuola di Bioetica inizierà sabato 11 novembre 2017 con un incontro aperto al pubblico che farà il punto sullo “stato di saluto “ della bioetica oggi. Successivamente si articolerà in incontri mensili, il sabato, di una giornata (9.30-16.30) fino al 30 giugno 2018. In tutto sono nove appuntamenti (tre sono aperti al pubblico) per un totale di 60 ore di attività, con lezioni frontali e attività di rilettura individuale, incontro con il tutor, lavori di gruppo, verifica.

L’itinerario formativo proposto si impegna ad accrescere la qualità del discernimento bioetico proponendo l’integrazione tra un insegnamento di squadra, con docenti e formatori che per primi cooperano tra loro, e un apprendimento di gruppo, che passa attraverso una costante e paziente interazione tra i partecipanti sui rispettivi ambiti tematici esplorati.

I contenuti
1. Incontro di inizio della Scuola: dialogo sullo stato di salute della bioetica oggi (11.11.2017)
2. La vita che nasce: dilemmi e potenzialità (02.12.2017)
3. La vita che finisce: dilemmi e potenzialità (13.01.2018)
4. L’uomo che soffre, l’uomo che cura (10.02.2018)
5. Etica dell’organizzazione sanitaria (10.03.2018)
6. Persona migranti e nuova bioetica: quale relazione? (14.04.2018)
7. Ambiente e salute: prevenzione e stili di vita (12.05.2018)
8. L’uomo di fronte ai limiti naturali della condizione umana (09.06.2018)
9. Bioetica: orientare l’agire professionale (30.06.2018)

Metodologia

Ciascuno dei contenuti proposti verrà sviluppato mediante un contributo plurale e cooperativo tra due/tre esperti, ai quali seguirà uno spazio di rielaborazione personale, per poi attivare un confronto di gruppo tra i partecipanti, e infine per orientarsi verso una sintesi pratica nell’assemblea plenaria, dalla quale verrà ricavato un quadro sintetico per favorire nuove pratiche di bioetica.

Ogni incontro sarà accompagnato dalla presenza di tutor appositamente preparati per una prima decantazione e condivisione dei tempi proposti.

Docenti/Relatori

Antonio Autiero, bioeticista, Università di Münster e Fondazione Lanza

Camillo Barbisan, servizio di bioetica, Azienda Ospedaliera di Padova

Antonio Da Re, filosofo morale, Università di Padova

Luciano Flor, direttore generale, Azienda Ospedaliera di Padova

Maria Teresa Gervasi, primario, reparto ostetricia e ginecologia Azienda Ospedaliera di Padova

Renzo Pegoraro, bioeticista, Pontificia Accademia per la Vita, Roma

Giovanni Poles, Unità OC Cure palliative, medico Ulss Veneziana

Vincenzo Rebba, Università di Padova

Francesca Russo, direttore prevenzione, sicurezza alimentare, veterinaria, Regione Veneto

Roberto Tommasi, preside e docente di Filosofia della Facoltà teologica del Triveneto

Francesca Meneghello, IRCS, Lido di Venezia

Lucia Busatta, studiosa in biodiritto, Università di Padova

Valter Giantin, medico geriatra Università di Padova

Francesca Marin, filosofia, Università di Padova

Marco Bonetti, medico, bioeticista, Azienda Ulss 15, Alta Padovana

Giovanni Putoto, medico Medici con l’Africa-CUAMM

Paolo Simioni, presidente OMCO, Padova

Samantha Serpentini, psiconcologa, IOV Padova

Umberto Curi, filosofo, Università di Padova

Paolo Benanti, eticista e studioso di neuroscienza, Pontificia Università Gregoriana

Giorgio Bonaccorso, eticista e studioso di neuroscienze, Istituto Liturgia pastorale Santa Giustina

Luciana Caenazzo, genetista, Università di Padova

La Fondazione Lanza e la Bioetica

La Fondazione Lanza è un centro di ricerca nel campo dell’etica applicata, con attenzione in particolare all’etica fondamentale, alla bioetica, alle questioni ambientali, alle professioni e alla formazione continua. In modo speciale, in questi trent’anni di attività, la Fondazione Lanza è diventata un riferimento per la ricerca bioetica, e ha sviluppato una rete di contatti e di scambi anche con i maggiori centri di bioetica internazionali: l’EACME (The European Association of Centres of Medical Ethics), l’ESPMH (European Society for Philosophy of Medicine and Healthcare), l’ECEN (EUROPEAN CHRISTIAN ENVIRONMENTAL NETWORK).

La Scuola di Bioetica si pone come una delle prime proposte nel cammino di preparazione ai festeggiamenti del trentennale della Fondazione Lanza (1988-2018).

Informazioni

Numero massimo iscritti: 40
Iscrizioni: entro il 30 ottobre 2017
Quota di partecipazione: € 450,00
Informazioni: 049 8756788 | 339 8042075
info@eticaperleprofessioni.it

Padova, 25 ottobre 2017 (17.30-19.00) | Fondazione LANZA – Via Dante 55

PRESENTAZIONE del Libro: F. Marin, BIOETICA DI FINE VITA. La distinzione tra uccidere e lasciar morire, Orthotes, 2017

Francesca Marin, scegliendo come fil rouge la distinzione uccidere/lasciar morire, nel suo volume affronta le principali problematiche del fine vita.

Nello specifico, l’autrice si chiede se abbia senso distinguere l’uccidere dal lasciar morire oppure se il provocare la morte di un paziente (per esempio attraverso la somministrazione di sostanze letali) e il lasciarlo morire (mediante il mancato avvio o la sospensione di un trattamento di sostegno vitale) siano da considerarsi delle azioni moralmente equivalenti. Il testo prende le distanze da due posizioni molto nette che sono tra loro opposte.

Da un lato, infatti, si rifiuta la tesi secondo la quale uccidere e lasciar morire sarebbero degli atti moralmente equivalenti perché danno luogo alle medesime conseguenze (la morte altrui); dall’altro, si ritiene che non sia neppure giustificata la tesi della sussistenza di una differenza morale assoluta, che renderebbe sempre illecito l’uccidere e sempre lecito il lasciar morire.

Programma dell’incontro:

introduce         Lorenzo BIAGI, Segretario generale, Fondazione Lanza

intervengono  Camillo BARBISAN, Azienda Ospedaliera di Padova

                       Lucia BUSATTA, Università di Padova

in dialogo con lautrice

                       Francesca MARIN, Università di Padova

Per informazioni:  Fondazione Lanza | 049 8756788 | info@fondazionelanza.it

PER UNA BIOETICA RINNOVATA | 2017 – 2018

INVITO  |  ISCRIZIONI APERTE  |  SCUOLA di BIOETICA 

” … finalità prioritaria della Scuola è offrire agli iscritti un metodo di apprendimento e un modello didattico che li renda idonei ad affrontare le diverse questioni e problematiche legate alla bioetica, fino a rendere ciascuno una sorta di “cellula” del buon consiglio, capace di generare e ri-generare in sé e attorno a sé, nella quotidianità e in ogni ambito di vita, una sempre piú alta consapevolezza e determinazione professionale “trasformativa” …

PER UNA BIOETICA RINNOVATA

INVITO  |  ISCRIZIONI APERTE  |  SCUOLA di BIOETICA | Programma 2017 – 2018

” … finalità prioritaria della Scuola è offrire agli iscritti un metodo di apprendimento e un modello didattico che li renda idonei ad affrontare le diverse questioni e problematiche legate alla bioetica, fino a rendere ciascuno una sorta di “cellula” del buon consiglio, capace di generare e ri-generare in sé e attorno a sé, nella quotidianità e in ogni ambito di vita, una sempre piú alta consapevolezza e determinazione professionale “trasformativa” …

si rivolge a

operatori in ambito sanitario, membri comitati etici, insegnanti, formatori, educatori, funzionari e dirigenti pubblici, operatori della comunicazione, cittadini e persone sensibili ai temi della vita e dell’etica civile

Iscrizioni

SCUOLA di BIOETICA | Programma 2017 – 2018

INVITO  |  ISCRIZIONI APERTE  |  SCUOLA di BIOETICA | Programma 2017 – 2018

“   … un metodo di apprendimento, un modello didattico per affrontare le diverse questioni legate alla bioetica, fino a rendere ciascuno una sorta di “cellula” del buon consiglio, con una sempre piú alta consapevolezza professionale “trasformativa”

La Scuola di Bioetica, promossa dalla Fondazione Lanza e dalla Rivista Etica per le professioni, offre la possibilità, attraverso un progressivo itinerario formativo, di implementare la qualità del discernimento su questioni di bioetica.

Il Corso prevede nove tappe, con cadenza mensile, da novembre 2017 a giugno 2018.

049 8756788 | 339 8042075 | info@eticaperleprofessioni.it

Loading...